19 marzo 2018 11:49

PRODOTTI ASSICURATIVI: L’IVASS DETTA I TEMPI DI ATTUAZIONE DELLE LINEE GUIDA SULLA SEMPLIFICAZIONE


Dall’1 gennaio 2019 i contratti di tutte le nuove polizze devono essere redatti secondo le nuove linee guida. Inoltre…  

Dall’ottobre del 2016 l’Ivass aveva sollecitato il mercato a una profonda revisione delle clausole contenute nei contratti assicurativi. Il motivo? La gestione da parte dell’istituto di vigilanza dei reclami degli assicurati aveva messo in luce «come un frequente motivo di insoddisfazione della clientela derivi dal fatto che le clausole contrattuali non sono sempre chiare e univoche, soprattutto in tema di garanzie (ciò che è coperto dall’assicurazione) ed esclusioni (ciò che non è coperto). Sovrapposizioni e ridondanze e un linguaggio non sempre comprensibile ostacolano la comprensione del prodotto da parte dell’assicurato e possono essere fonte di conflitto in caso di sinistro».

Per questo l’Ivass, in raccordo con le associazioni dei consumatori, aveva portato all’attenzione delle imprese di assicurazione la necessità di una semplificazione dei testi contrattuali delle polizze, stimolando l’industria assicurativa a confrontarsi con i consumatori e con gli intermediari di assicurazione per individuare eventuali punti di convergenza per la semplificazione dei contratti e proporre possibili soluzioni.

La nota diramata dall’Ania qualche giorno fa e relativa alle linee guida per “contratti semplici e chiari” rappresenta, per l’istituto di vigilanza, «un punto di svolta», tanto che è stata inviata una specifica lettera al mercato proprio per assicurare una concreta attuazione alle linee guida.

In particolare, le condizioni dettate dall’Ivass sono queste: al più tardi a partire dal 1° gennaio 2019, i contratti di tutti i nuovi prodotti assicurativi devono essere redatti secondo le linee guida; nel corso del 2019 deve essere completata la revisione secondo le linee guida dei contratti dei principali prodotti già in commercio di ogni impresa; i contratti devono recare in copertina l’indicazione espressa che sono stati redatti secondo le linee guida.

Le imprese di assicurazione dovranno comunicare all’istituto di vigilanza i prodotti rivisti secondo queste linee guida, in modo che l’Ivass possa darne evidenza sul proprio sito, stimolando la proattività degli operatori nella revisione dei prodotti già esistenti. Raccogliendo le sollecitazioni delle associazioni dei consumatori, l’Ivass ha inoltre richiamato la necessità di inserire nei contratti un termine certo per procedere alla liquidazione dei sinistri dei rami danni diversi dalla Rc auto, ramo nel quale questi termini sono previsti per legge.

Fabio Sgroi

© RIPRODUZIONE RISERVATA