28 aprile 2016 11:55

NUOVA GOVERNANCE PER UNIPOLSAI: CIMBRI E’ IL NUOVO PRESIDENTE, CERCHIAI VICE CON STEFANINI. LATERZA NOMINATO DIRETTORE GENERALE


Il ruolo di amministratore delegato resta vacante, dal momento che l’assemblea degli azionisti, che si è riunita in sede ordinaria e straordinaria, ha approvato la facoltà (anziché l’obbligo) per il Cda di nominare, appunto, un amministratore delegato.

 

Carlo-CimbriNuova governance per UnipolSai spa. Carlo Cimbri (nella foto) lascia la carica di amministratore delegato (in ottemperanza a quanto richiesto dall’Antitrust) e diventa presidente, al posto di Fabio Cerchiai, nominato vice presidente. Pierluigi Stefanini rimane vice presidente. Il ruolo di amministratore delegato resta vacante, dal momento che l’assemblea, che si è riunita in sede straordinaria, ha approvato la facoltà (anziché l’obbligo) per il Cda di nominare, appunto, un amministratore delegato.

Il nuovo consiglio di amministrazione, composto da 18 membri (oltre a Cimbri, Cerchiai e Stefanini ci sono Francesco Berardini, Milva Carletti, Paolo Cattabiani, Lorenzo Cottignoli, Ernesto Dalle Rive, Salvatore Lauria, Massimo Masotti, Maria Rosaria Maugeri, Maria Lillà Montagnani, Nicla Picchi, Giuseppe Recchi, Elisabetta Righini, Barbara Tadolini, Francesco Vella e Giorgio Ghiglieno) ha deliberato di nominare un direttore generale nella persona di Matteo Laterza, attribuendogli «opportune funzioni e poteri, non reputando allo stato necessaria la nomina di organi amministrativi delegati». Laterza ha maturato una pluriennale esperienza lavorativa all’interno della compagnia e del gruppo Unipol, quale responsabile della direzione generale assicurativa e, in precedenza, direttore generale area finanza di Ugf e direttore finanza, vita e cauzioni di UnipolSai.

L’assemblea degli azionisti di UnipolSai spa, oltre che a nominare il Cda (che resterà in carica per il triennio 2016-2018, fino all’assemblea di approvazione del bilancio dell’esercizio che chiuderà il 31 dicembre 2018) ha approvato, in sede ordinaria, il bilancio d’esercizio della società relativo al 2015 e deliberato la distribuzione di dividendi per complessivi 423,7 milioni di euro circa (pari a un pay-out di circa il 76%), nella misura di 0,15 euro per ciascuna azione ordinaria avente diritto. Il dividendo sarà messo in pagamento a partire dal 25 maggio 2016, con data stacco cedola il 23 maggio 2016 e record date il 24 maggio 2016.

L’assemblea ordinaria ha inoltre approvato: la relazione sulla remunerazione predisposta ai sensi dell’articolo 123-ter del Testo Unico della Finanza e dell’articolo 24 del Regolamento Isvap n. 39 del 9 giugno 2011; il piano di compensi basato su strumenti finanziari, ai sensi dell’articolo 114-bis del Testo Unico della Finanza; l’autorizzazione per la durata di 18 mesi, previa revoca della precedente autorizzazione, l’acquisto e la disposizione di azioni proprie ai sensi degli articoli 2357 e 2357-ter del codice civile e nel rispetto del limite massimo di spesa di 100 milioni di euro, nonché l’acquisto e la disposizione di azioni della controllante Ugf, ai sensi dell’articolo 2359-bis del codice civile e nel rispetto del limite massimo di spesa di 50 milioni di euro; l’aggiornamento del regolamento assembleare.

Fabio Sgroi

© RIPRODUZIONE RISERVATA