7 novembre 2018 16:05

LOTTA ALLE FRODI: HELVETIA PUNTA SULLA PREVENZIONE


Il gruppo svizzero ha costituito appositamente una unità antifrode per gestire la problematica. E nel 2017…

 

Non adeguarsi «passivamente» agli obiettivi e alle modalità operative previste dal legislatore, ma cercare di agire «con risolutezza» anche sul piano della prevenzione. Così Helvetia (nella foto, la sede) ha deciso di affrontare il problema delle frodi assicurative. L’attività della compagnia, svolta a livello di gruppo, ha due obiettivi: da un lato gestire le frodi tentate e/o consumate e, dall’altro, prevenire le stesse con la conseguente possibilità di «godere dei relativi benefici d’immagine, strategici ed economici».

L’unità antifrode della compagnia è stata appositamente costituita all’interno del gruppo Helvetia per rispondere a questa finalità. In particolare, nel corso dell’esercizio 2017 (ultimi dati disponibili), l’attività antifrode di Helvetia Compagnia Svizzera d’Assicurazioni SA ha comportato, per i sinistri di tutte le generazioni, compresa l’attività giudiziale, un risparmio economico complessivo di 1.508.592 euro. Il carico di sinistri in gestione di tutte le generazioni in termini economici ammonta a circa 31,9 milioni di euro.

Le querele sporte per sinistri nel 2017 sono state 15 a cui si aggiungono 12 querele per reati aventi per oggetto contratti e documentazione contrattuale e precontrattuale. Il numero complessivo dei procedimenti penali in gestione sono 678.

Per quanto riguarda Helvetia Italia Assicurazioni spa (dati sempre del 2017), l’attività antifrode ha comportato, per i sinistri di tutte le generazioni, compresa l’attività giudiziale, un risparmio economico complessivo di 355.319 euro. Il carico di sinistri in gestione di tutte le generazioni in termini economici ammonta a circa 3.825.000 euro; il numero complessivo dei procedimenti penali in gestione sono 41. (fs)

© RIPRODUZIONE RISERVATA