LAVORO AGILE: ALLIANZ ITALIA RADDOPPIA IL SUO IMPEGNO

16 Luglio 2019

I dipendenti che operano da casa per il 50% del loro tempo lavorativo sono saliti a 1.100.
 
Maurizio Devescovi

Nei giorni scorsi, Allianz ha annunciato di aver aderito per il sesto anno consecutivo all’iniziativa promossa dal Comune di Milano relativa alla Settimana del Lavoro Agile. La compagnia, nell’ambito del progetto di smart-working ha visto salire nello scorso mese di giugno il numero dei dipendenti coinvolti a 1.100.

Dopo un primo progetto pilota partito nel 2014 in occasione della prima edizione dell’iniziativa del Comune di Milano sul lavoro agile, Allianz ha avviato a settembre del 2017 un programma di smart-working per le sedi di Milano, Trieste, Roma e Torino. Questa iniziativa prevede che ben il 50% del tempo lavorativo sia svolto da casa o da altro luogo fuori dall’ufficio.

«Per Allianz, favorire l’equilibrio tra il lavoro e la famiglia, non significa soltanto aumentare il benessere dei dipendenti, che sono la nostra principale risorsa, ma sperimentare continuamente innovative soluzioni che pongono al centro la persona», ha spiegato Maurizio Devescovi, direttore generale di Allianz spa. «Nel 2017 abbiamo deciso di portare lo smart-working al 50% del tempo lavorativo e abbiamo osservato anche un aumento della produttività e dell’efficienza organizzativa».

Nel programma di smart-working di Allianz risultano rappresentate la maggior parte delle aree aziendali e diversi livelli di responsabilità. Il 70% degli smartworker è donna e le riunioni sono gestite con conference call, video conference o via skype, utilizzando le lavagne interattive multimediali. (fs)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Scroll to top