10 ottobre 2018 16:32

L’ACCORDO INTEGRATIVO PROPOSTO DA REALE MUTUA? «NON VA FIRMATO»


A sostenerlo è lo Sna, che lo definisce «pregiudizievole sotto il profilo normativo, rispetto ai trattamenti minimi garantiti agli agenti dall’Accordo nazionale 2003 (Ana)».  

L’accordo integrativo proposto da Reale Mutua ai propri agenti? «Non va firmato». È quanto sostiene il Sindacato nazionale agenti che ha inviato una lettera agli agenti della mutua torinese attraverso la quale definisce il contenuto dell’accordo integrativo 2018 predisposto dalla compagnia, «pregiudizievole sotto il profilo normativo, rispetto ai trattamenti minimi garantiti agli agenti dall’Accordo nazionale 2003 (Ana) e, ancor prima, dall’Accordo nazionale agenti del 1951, reso efficace erga omnes per via legislativa».

In particolare, il sindacato presieduto da Claudio Demozzi rileva che l’accordo in questione «non contiene il richiamo all’Ana 2003, aprendo così la strada a modifiche peggiorative dei diritti degli agenti, non essendo vincolato al principio contrattuale che ammette solo modifiche migliorative dei diritti degli agenti». Inoltre, continua lo Sna, «il sistema di pagamento delle indennità è peggiorativo, rispetto a quello previsto dall’Ana 2003, sia sul piano quantitativo che su quello della certezza dei diritti, mettendo a repentaglio le liquidazioni maturate dagli agenti nel corso dei rapporti agenziali».

Sna, si legge in una nota, «ha informato i colleghi agenti di Reale Mutua di aver inoltrato una formale diffida alla compagnia e al gruppo aziendale agenti dal promuovere l’accettazione e la sottoscrizione del nuovo accordo integrativo da parte dei singoli agenti». Lo stesso sindacato ha informato la compagnia di riservarsi di «intraprendere ogni più idonea azione, in ogni sede, nei confronti delle imprese che, facendo leva sulla sproporzione del potere negoziale, vogliano imporre alle proprie reti il superamento degli accordi a livello nazionale, che costituiscono il fondamentale presidio per la tutela dei diritti degli agenti».

Fabio Sgroi

© RIPRODUZIONE RISERVATA