CYBER RISK: LE NUOVE SOLUZIONI DEL MERCATO ASSICURATIVO

8 Luglio 2021

Il focus, nella seconda parte dell’anno scorso, è stato sul controllo dell’identità sul web dell’assicurato.
 

Nel secondo semestre 2020, l’offerta delle compagnie in ambito cyber risk non si è fatta attendere. Secondo quanto rilevato dall’Ivass, la sempre più avvertita esigenza da parte di imprese e famiglie di avere coperture contro questa tipologia di rischio ha spinto il mercato assicurativo ad attivarsi mettendo a disposizione nuove soluzioni per supportare i clienti nel tenere sotto controllo la propria identità sul web (per esempio attivando collaborazioni con società specializzate nel contrastare malware e cybercrimine ovvero sostenendo apposite Fondazioni che si occupano di queste tematiche).

Una compagnia, si legge nel report dell’istituto di vigilanza,  ha offerto una nuova soluzione per garantire la cyber security e tenere sotto controllo la propria identità sul web mediante una piattaforma, consentendo al cliente che intende tracciare i propri dati personali di monitorarli sia nel public web, sia nel deep web e dark web. In caso di violazione, si viene immediatamente avvisati tramite una notifica via e-mail o sms.

Un nuovo pacchetto cyber attivabile tramite app o in agenzia è stato messo gratuitamente a disposizione dei clienti di polizze Rc auto di una compagnia. La copertura ha durata dalle ore 24 del giorno successivo all’adesione e fino alla scadenza della polizza Rc auto.

A seguito di una collaborazione tra un’impresa di assicurazione e una società specializzata nella lotta contro i malware e il cybercrime è nata, infine, una soluzione integrata che permette di acquistare insieme software antivirus e copertura assicurativa dei rischi digitali. La copertura prevede consulenza e intervento specializzato in caso di danneggiamento della reputazione on line e cyber-bullismo, come per esempio furto di identità, divulgazione non autorizzata di dati personali, insulti pubblici, diffamazione, incitamento all’odio, nonché protezione in caso di problemi con gli acquisti on line, come la consegna di beni difettosi o danneggiati, la mancata consegna, ma anche la perdita o il danno ai beni durante la fase di restituzione.

Fabio Sgroi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Scroll to top
TuttoIntermediari