10 luglio 2018 12:22

IL GRUPPO ASSIMOCO LANCIA LA NUOVA SOLUZIONE “SOGNI SICURI”


È una assicurazione mista rivalutabile a premi unici ricorrenti, finalizzata alla protezione degli obiettivi di vita delle famiglie con figli.

 

Una nuova soluzione assicurativa finalizzata alla protezione degli obiettivi di vita delle famiglie con figli. L’iniziativa è del gruppo Assimoco (nella foto, la sede) che ha lanciato Sogni Sicuri. Si tratta di un piano di accumulo del capitale dedicato ai genitori che vogliono accantonare risparmio per sostenere i figli in qualsiasi fase della loro vita e sino alla loro indipendenza economica.

È una assicurazione mista rivalutabile a premi unici ricorrenti, in cui l’indicazione del beneficiario caso morte è irrevocabile. In caso di separazione personale dei genitori, il prodotto offre la possibilità di utilizzare quanto accumulato quale contributo per il mantenimento dei figli attraverso l’esercizio del riscatto speciale.

Secondo quanto riportato in una nota di Assimoco, «il contraente/assicurato è uno dei genitori, mentre i beneficiari alla scadenza (beneficiari caso vita) sono il contraente e il partner non contraente (ossia i genitori), in parti uguali. I beneficiari caso vita vengono designati all’atto della sottoscrizione del contratto da parte del contraente; non è possibile modificare i beneficiari nel corso della durata contrattuale. Il beneficiario in caso di morte (beneficiario accettante) è il genitore/partner non contraente. Il beneficiario caso morte viene designato irrevocabilmente all’atto della sottoscrizione del contratto da parte del contraente nella persona del partner (genitore/partner non contraente). Pertanto, il contraente e il beneficiario accettante dichiarano per iscritto alla compagnia, rispettivamente, di rinunciare al potere di revoca e di accettare il beneficio».

La durata del contratto, compresa tra un minimo di 10 anni e un massimo di 25 anni, può essere determinata a scelta dal contraente, compatibilmente con l’età dell’assicurato (che deve essere compresa tra 18 a 65 anni; l’età contrattuale dell’assicurato a scadenza non può superare 90 anni).

La frequenza del versamento può essere mensile (importo minimo 100 euro, massimo 1.000 euro), trimestrale (300 euro – 3.000 euro), semestrale (600 euro – 6.000 euro) e annuale (1.200 euro – 12.000 euro).

Nel corso della durata contrattuale, purché la durata residua del contratto non sia inferiore a un anno e a condizione che non sia in corso di erogazione il piano di riscatti programmati a seguito dell’esercizio della facoltà di riscatto speciale, è data la possibilità al contraente di effettuare dei versamenti liberi aggiuntivi completamente indipendenti rispetto al piano prescelto.

L’importo minimo previsto per i versamenti aggiuntivi è pari a 1.000 euro. Inoltre, ogni versamento aggiuntivo non potrà essere di importo superiore al doppio rispetto all’ultimo premio ricorrente pattuito calcolato su base annua, con un limite massimo, per anno assicurativo, pari a 12.000,00 euro.

Il contratto prevede varie tipologie di prestazioni:

– prestazione in caso di vita dell’assicurato, capitale a scadenza (in caso di sopravvivenza dell’assicurato alla data di scadenza, è prevista la riscossione, da parte dei beneficiari designati, i genitori in parti uguali, del capitale complessivamente assicurato rivalutato fino alla data di scadenza stessa);

– prestazione in caso di decesso dell’assicurato, capitale caso morte (in caso di decesso dell’assicurato nel corso della durata contrattuale, è prevista la riscossione immediata, da parte del beneficiario designato, partner non contraente/beneficiario accettante, del capitale complessivamente assicurato rivalutato fino alla data del decesso);

– prestazione in caso di vita dell’assicurato, capitale in caso di richiesta di riscatto totale ordinario (trascorso un anno dalla data di decorrenza il contraente può estinguere anticipatamente il contratto previo assenso scritto del beneficiario accettante.  È consentita la riscossione da parte del contraente del valore di riscatto pari al capitale complessivamente assicurato rivalutato fino alla data della relativa richiesta. Se il riscatto viene richiesto prima che siano trascorsi interamente cinque anni dalla data di decorrenza, vengono applicati dei costi per riscatto);

– prestazione in caso di vita dell’assicurato, capitale in caso di richiesta di riscatto parziale ordinario (trascorso un anno dalla data di decorrenza il contraente può richiedere di riscuotere anticipatamente una parte del valore di riscatto mediante esercizio di riscatti parziali e previo assenso scritto del beneficiario accettante. Il valore di riscatto parziale è determinato in base alle stesse modalità previste per il riscatto totale, considerando solo la parte di capitale che il contraente intende riscattare. Se il riscatto parziale viene richiesto prima che siano trascorsi interamente cinque anni dalla data di decorrenza, vengono applicati dei costi di riscatto);

–  prestazione in caso di vita dell’assicurato, capitale in caso di richiesta di riscatto totale speciale (rappresenta la prestazione erogata dalla società al contraente o al beneficiario accettante a condizione che sia trascorso un anno dalla data di decorrenza e che l’assicurato sia in vita a tale data. Il riscatto totale speciale può essere esercitato esclusivamente a seguito di separazione personale dei genitori e il relativo valore coincide con il capitale complessivamente assicurato rivalutato fino alla data della relativa richiesta senza l’applicazione di penali);

– prestazione in caso di vita dell’assicurato, capitale in caso di richiesta di riscatti parziali programmati speciali (si tratta delle prestazioni programmate, piano di riscatti programmati, erogate dalla società al contraente o al beneficiario accettante a condizione che sia trascorso un anno dalla data di decorrenza e che l’assicurato sia in vita a questa data). (fs)

© RIPRODUZIONE RISERVATA