9 luglio 2018 18:18

ARAG: OLTRE 400 GLI INTERMEDIARI CHE HANNO PRESO PARTE ALL’ULTIMO ROADSHOW


Il tema centrale che ha animato le 8 tappe è stato quello della legge 41/2016 sull’omicidio stradale e lesioni personali stradali, a due anni dalla sua entrata in vigore.   

Sono stati oltre 400 gli intermediari assicurativi che hanno preso parte complessivamente alle 8 tappe organizzate da Arag Se Italia nell’ambito del suo roadshow attraverso il quale ha incontrato la rete. L’ultima tappa è stata quella di Verona poco più di due settimane fa. In questo percorso formativo, la compagnia specializzata nella tutela legale ha voluto approfondire la legge 41/2016 sull’omicidio stradale e lesioni personali stradali, a due anni dalla sua entrata in vigore. A ogni tappa è intervenuto Luigi Altamura, comandante della Polizia Municipale di Verona, che ha presentato i primi dati statistici, dopo due anni di operatività della legge, con particolare riferimento alle lesioni stradali causate dalle infrazioni che si sono rivelate essere le più diffuse, con conseguenze pesanti sugli automobilisti.

È emerso che è ancora presto per fare un bilancio della legge (anche perché i dati delle Procure variano da zona a zona; bisognerà aspettare almeno 5 anni per una statistica più attendibile), anche se le nuove misure hanno evidenziato una certa severità della stessa normativa (come per esempio il procedimento penale d’ufficio per lesioni con prognosi superiore a 40 giorni). Nel corso del roadshow si è parlato anche del nuovo regolamento europeo sulla privacy, con il contributo di Rudi Floreani, avvocato esperto in diritto delle assicurazioni. (fs)

© RIPRODUZIONE RISERVATA